3D is the new 3D

Sette e Vogue Italia hanno recentemente pubblicato i loro ultimi numeri:

entrambi si caratterizzano per copertina e servizi in 3d, e comprendono, in allegato, appositi occhialini in grado di permetterne la visione.

L’editoria italiana scopre il 3d e noi vi diamo il benvenuto negli anni sessanta, gente.

No perchè questa cosa – si, insomma, del 3d con gli occhialini – è tipo quarant’anni che è in giro.

L’Anna Wintour de noartri riscopre, oggi, ciò che Topolino ha abbandonato nel 1953.

Ah, oh, ma Sette è realizzato con la stessa tecnica utilizzata per girare Avatar.

“La profondità delle immagini è quella di un frame cinematografico, le foto «escono» dalla pagina di uno o due palmi di profondità.”

Certamente.

A questo punto attendiamo impazienti i prossimi numeri:

pur avendo target differenti, pare sia guerra tra i due magazine.

L’obiettivo?

Offrire, per primi, ai propri lettori, occhiali a raggi-x finalmente funzionanti.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...