Egypt 2011 riots twitter report – Nevine Zaki

Mentre in Italia si polemizzava sulle mutande di Giuliano Ferrara, in Egitto si completava quella “rivoluzione” che tanti minacciano di inscenare anche nel nostro paese.

Ben sapete della nostra passione per i reportage e di come da queste parti li si consideri una delle più elevate forme di giornalismo – tanto più in un mondo in cui tutti sono materialmente in grado di divulgare tutto ciò che vogliono e dove per questo, paradossalmente, la verità delle cose sembra ancor più difficile da comprendere.

Nevine Zaki è una donna egiziana che in questi giorni ha raccontato, come molti altri, attraverso Twitter, quello che stava accadendo nel suo paese.

L’ha fatto corredando i suoi tweet di alcune fotografie raccolte (presumibilmente) con un cellulare.

Tra queste, uno scatto ha avuto una certa risonanza.

La foto ritrae un gruppo di cristiani intento a proteggere, con una catena umana, i propri concittadini mussulmani assorti nella recita di una preghiera collettiva.

Una foto da vincerci il World Press Photo (per altro da poco assegnato), una di quelle che ti mostrano proprio quel momento, proprio quell’istante, proprio quel pezzettino di Storia che avresti voluto vedere con i tuoi occhi.

Un gesto di fratellanza e di rispetto reciproco testimone di un clima di condivisione di cui abbiamo in parte sentito parlare, in riferimento all’Egitto, e di cui però abbiamo anche avuto smentite difficilmente decifrabili nella loro dubbia attendibilità.

Nevine ha scattato altre fotografie che desideriamo mostrarvi.

Ne pubblichiamo una piccola carrellata qui sotto, riportando le didascalie fornite dalla stessa Nevine sul suo profilo Yfrog ed il relativo riferimento al giorno di pubblicazione.

Abbiamo deciso di disporle in ordine cronologico, dai primi giorni della rivolta alle ultime ore di lento ritorno alla normalità.

@ajelive please use this, the police IS using violence & are hitting people left & right – Posted 2 weeks 5 days ago

Can it get more peaceful than this? #jan25 #egypt – Posted 1 week 4 days ago

a friend with me shot this pic, shows that they were Christians guarding z muslims in prayer #Jan25 – Posted 1 week 2 days ago

[il riferimento è alla croce tauata sul polso del ragazzo in primo piano]

“I am not from the muslim brotherhood, I just have a long beard” #jan25 #tahrir – Posted 1 week ago

This is a small call center that ppl made in #tahrir to coordinate z ppl at all z entrances #jan25 – Posted 1 week ago

While he was sleeping, ppl that were distributing free food came & put this choc bar next to him – Posted 4 days 21 hours ago

Ppl are even cleaning the Talaat Harb statue – Posted 1 day 21 hours ago

La qualità degli scatti così come la scelta delle inquadrature è assolutamente irrilevante.

Ciò che conta è che queste immagini rappresentano un documento eccezionale, in grado di aiutarci a comprendere il contesto sociale in cui si stanno realmente svolgendo fatti che influiranno sugli equilibri geopolitici internazionali dei decenni a venire.

Se volete seguire Nevine ed i suoi racconti dall’Egitto liberato, trovate il suo profilo Twitter a questo indirizzo.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...